GLI SPIRITI MI SORRIDONO 
A OGNI STAGIONE
ISBN 978-88-941448-0-2




Franco Balduzzi,
Piemontese di Alessandria, da circa dieci anni scrive romanzi e racconti. 
Ha ricostruito l’albero genealogico della sua
 
 
Franco Balduzzi
   famiglia, a cui ha dedicato la sua prima pubblicazione, ispirata dai ricordi dei suoi nonni. Nella vita è Sottufficiale della Marina Militare.

Gli spiriti mi sorridono 

a ogni stagione


Ricordi, vita e dignità di due miei nonni


 
 

 
  prezzo
€ 20,00
  
  ISBN 978-88-941448-0-2
 

232 pagine

16x23 cm

Edizione brossura

copertina 

a colori

   

Un racconto della memoria, ambientato nella provincia di Alessandria lungo le rive della Bormida, dove l'Autore narra i ricordi della sua infanzia. Franco Balduzzi ripercorre la vita trascorsa accanto ai suoi amati nonni e ai loro ricordi che, come preziose antiche cartoline, offrono lampi di emozioni e di vita. Un percorso nel Novecento Italiano, dall’emigrazione verso l’America al legame con la terra, alle guerre, al miracolo economico. Gli spiriti dei nonni sorridono all’amato nipote a ogni stagione attraverso «il loro sorriso e i loro occhi ridenti».


 PRENOTA
 

15% sconto

  
www.imagoeranos.it
 
  
   In preparazione edizione scolastica




Recensioni 

 

 

Franco Balduzzi, Gli spiriti mi sorridono a ogni stagione. Ricordi, vita e dignità di due miei nonni, Napoli, Imago Eranos Copyright, 2015, pp. 232, € 20,00, ISBN 978-88-941448-0-2.

 


 Eleonora Gemito

«Un uomo non è mai morto sino a quando si avrà memoria di lui». Con queste parole si apre il racconto di Franco Balduzzi, autore alla sua prima pubblicazione: un racconto fatto di ricordi, aneddoti familiari e avvenimenti storici attraverso la vita e i valori di due suoi nonni. L’autore narra le vicende della sua famiglia e della sua terra d’origine scavalcando la storia ufficiale che ritroviamo sempre uguale sui libri, per poi immergerci in un clima alternativo, quotidiano, suddiviso in frammenti che ognuno di noi custodisce nel cuore quando ripensa al suono della voce o allo sguardo amorevole di un proprio caro che ormai non c’è più. È una lettura scorrevole, calda e avvolgente che, pur rievocando eventi ormai lontani nel tempo, ce li presenta ancora così attuali nelle loro manifestazioni. Balduzzi nel farlo sceglie appunto due persone che sono state esempio di vita e di virtù per lui: Francesca, la nonna materna e Francesco, il nonno paterno. Ma c’è un altro protagonista nel racconto, ed è il fiume che bagna Castellazzo Bormida, il paese a cui dà il nome e in cui si svolgono le vicende. Esso rappresenta una vera e propria metafora: del tempo che scorre incessante, delle abitudini che cambiano come il corso di un fiume capriccioso, dei ricordi più intimi, quelli che ti toccano fugacemente e vanno via via scolorendosi nella nostra mente e quelli che, al contrario, restano indelebili e ci condizionano per sempre, spingendoci a regalare alle future generazioni quanto di più caro è impresso in noi prima che il tempo se lo porti con sé. Tra le pagine del libro sembra di essere a contatto con la natura e con un periodo in cui la semplicità era un valore da condividere, da esaltare. Quello che colpisce, quindi, è il perfetto equilibrio tra famiglia e speranza. Perché sì, traspare sempre tanta speranza, come quella che spinse milioni di Italiani a partire per l’America, fuggendo dalla povertà e dalle due guerre che segnarono per sempre il loro destino, o quella di chi si affidava al miracolo economico degli anni ‘50 e ‘60, ma tenendo sempre fede agli esempi di chi, vivendo con spiritualità, dignità e pazienza, sapientemente ci ha insegnato a vivere.

09.01.2016












 

Copyright 2012 Imago Eranos srl

  Site Map